tenerume_fichi_india

Tenerumi e fichi d’india: il cibo che non si spreca

La volontà di fare qualcosa di utile contro gli sprechi, parte direttamente dalle nostre abitudini in cucina e dalla conoscenza su come sfruttare appieno i cibi che compriamo. Sono molti infatti, gli ingredienti dai milleusi che sorprendono per le loro proprietà polifunzionali.

È il caso delle zucchine serpente e dei fichi d’india di cui, possiamo affermare, non si butta via proprio nulla.

La zucchina serpente, o cucuzza in siciliano, ha la forma serpeggiante e produce delle foglie vellutate, note come tenerumi, che in cucina trovano impiego come vere e proprie verdure. Nella tradizione culinaria siciliana i tenerumi sono utilizzatissimi per accompagnare paste con il pomodoro o i ricci di mare, ma anche come contorno o come ripieno di frittate e torte salate.

Una ricetta tradizionale è la Minestra di pasta con i tenerumi riproposta dal blog Il Pasto Nudo: basta scegliere le foglie e i fiori più teneri e farli saltare in padella insieme ai pomodori, aglio e olio. Aggiungere un po’ di acqua calda, sale e gli spaghetti spezzati. Mescolare fino a quando la pasta non sarà pronta e servire con una spolverata di pepe nero, parmigiano e basilico.

Rimaniamo nel Sud Italia e parliamo di un frutto prelibato estivo, il fico d’india, i cui molteplici usi in cucina sono già ben noti, soprattutto nella preparazione di dolci e conserve.

Meno famoso invece, è l’utilizzo dei cladodi, le pale della pianta del fico, che al contrario di quanto si possa pensare, possono essere mangiati in salamoia, sottaceto, candidi o sotto forma di confettura. Alcune delle ricette più gustose però, sono le pale di fico d’india in pastella e in insalata con i pomodori. Ma il loro utilizzo non si limita alla cucina: i cladodi hanno proprietà molto simili all’aloe e il loro gel, una volta estratto, ha potere cicatrizzante per lenire pelle ustionata, eritemi e graffi.

Insomma, il segreto della buona cucina è mangiare senza sprecare. E voi, conoscete altri ingredienti di cui non si butta via nulla?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *