Bottua_DeNiro

Bottura De Niro, la coppia insolita punta sul Bronx

Un premio Oscar e uno chef stellato, uniti per un obiettivo comune: la lotta allo spreco alimentare.

Massimo Bottura, che da poco ha ritirato il premio World’s best 50 Restaurants Awards per la sua “Osteria Francescana”, non si ferma un attimo e continua con il suo progetto ambizioso del Refettorio Ambrosiano: dopo Expo 2015 e le 15 tonnellate di cibo recuperato e redistribuito, oggi si prepara alla versione olimpica del RefettoRìo Gastromotiva, dove star della cucina serviranno 19 mila pasti ai più bisognosi.

Neanche il tempo di arrivare a Rio però che Bottura guarda già a nord, più precisamente a New York. Qui con Robert De Niro, partner d’eccezione, ha deciso di annunciare per il 2017 la nascita di un nuovo progetto di Refettorio nel Bronx. E lo ha fatto direttamente dal suo profilo Instagram.

Bottura_DeNiro_Instagram

De Niro che a New York è già proprietario di tre ristoranti, è molto legato alla Grande Mela.

Ora Bottura con la sua organizzazione “Food for Soul” vuole aiutare i senzatetto del Bronx ma soprattutto far crescere la consapevolezza sociale su temi come spreco alimentare in un Paese come gli USA, dove secondo i dati del The Guardian ogni anno viene buttato quasi il 50% del cibo prodotto. La causa? La cosiddetta cultura della perfezione estetica del food. 60 milioni di tonnellate di alimenti sprecati anche se di qualità.

Lo chef che ha fatto della qualità degli ingredienti la sua ossessione, è convinto che utilizzare il cibo in eccedenza non sia assolutamente degradante, ma che al contrario sia un elemento che valorizza tradizione e cultura gastronomica italiana.

“Recuperare non è degradante, sono stati 40 anni di consumismo a renderlo tale, ma la parola latina “Recuperare” era analoga a “Riconquistare”: un atto di volontà e forza. Scartare, buttare è arrendersi. Significa non essere in armonia con il mondo, non parlare la sua lingua.”

L’alta cucina diventa quindi scuola etica sul cibo. E dopo Milano, Rio e New York, quale sarà la prossima conquista di Massimo Bottura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *